Addio a Lucio Del Pezzo, maestro del rinnovamento dell’arte del Dopoguerra

Si è spento ieri, a Milano, a 86 anni, Lucio Del Pezzo, animatore dell’arte di avanguardia degli anni ’50 e ’60, tra i fondatori del Gruppo 58

Morto Lucio Del Pezzo

Pittore e scultore, animatore dell’arte italiana del secondo dopoguerra, Lucio Del Pezzo è morto ieri, 12 aprile, a 86 anni, a Milano, città in cui viveva da tempo. Fondatore, a Napoli, del Gruppo 58, insieme a Luigi Castellano, Guido Biasi, Bruno Di Bello, Sergio Fergola e Mario Persico, Del Pezzo era in contatto con gli esponenti del Movimento Nucleare di Milano, guidato da Enrico Baj, e con gli altri collettivi internazionali che, in quegli anni, provavano a riformare il linguaggio artistico, come Phases a Parigi, Spur a Monaco e Boa a Buenos Aires.

Nato a Napoli, il 12 dicembre 1933, studiò da agrimensore, frequentando i corsi della Scuoola libera di disegno di storia dell’arte di Mario Napoli. Quindi si iscrisse all’Accademia di Belle Arti della città partenopea, dove studiò con Emilio Notte. La sua prima personale già nel 1955, alla Galleria La Chiocciola di Padova, dove espose i suoi dipinti ancora legati alla matrice espressionista, vicina a quella del maestro Notte. Ma la sua ricerca doveva emergere soprattutto negli assemblaggi e nel collage. «Articola i ferri saldati in un clima sospeso tra il reale e l’irreale: scaturisce da questi suoi strani arnesi una barbarica forza di suggestione», scriveva Lea Vergine nel 1959.

Negli ultimi anni Cinquanta si avvicinò al Nuclearismo e firmò anche il Manifesto per un arte Nucleare, insieme a Enrico Baj, Mario Colucci e Mario Persico. Nel 1958 fondò il Gruppo 58, animando anche la rivista Documento Sud.  Dopo aver trascorso un anno a Matera, nel 1960 si trasferì a Milano, accogliendo l’invito di Arturo Schwarz: «vieni e porta tutti i tuoi quadri». Al Milano Del Pezzo rimase sempre legato e, dopo un lungo periodo a Parigi, in cui visse in quello che era lo studio di Max Ernst, si stabilì nella città lombarda dalla fine degli anni ’70.

Nel 1964 partecipò alla Biennale di Venezia, l’edizione in cui furono presentati il New Dada e la Pop Art. Nello stesso anno presentò alla Triennale di Milano l’installazione ambientale Labirinto del Tempo. Nel 1966 un’altra partecipazione alla Biennale di Venezia e, al contempo, alcune commissioni come grafico per Olivetti e Renault.

Negli anni ’80, Del Pezzo compì numerosi viaggi tra Giappone, India, Nepal e Polinesia, approfondendo la sua ricerca sugli archetipi e sulle forme rappresentative primarie. Agli anni ’90 e ai primi 2000 risalgono diversi lavori ambientali, come l’intervento nella sede milanese di Gianfranco Ferré e le installazioni nella fermata della metropolitana Anagnina di Roma e nelle stazioni Salvator Rosa e Materdei di Napoli.

Diverse sue opere sono inoltre nella collezione del Museo del Novecento, a Castel Sant’Elmo, a Napoli, dove, nel 2001, espose anche a Castel dell’Ovo. Recentemente, sue opere sono state esposte al Museo Madre di Napoli, per la mostra dedicata al gallerista e collezionista Marcello Rumma.

Lucio Del Pezzo, Casellario 40 elementi, 1974, acrilici e collage su legno, 224 x 350 cm

LUCIO DEL PEZZO

Diplomatosi all’Istituto di Belle Arti di Napoli, fa parte del Gruppo ’58, movimento d’avanguardia napoletano che si ispira a quello nucleare milanese. L’intento dell’artista è quello di sperimentare con la materia e la pittura rifacendosi all’influenza neo-dadaista e rompendo gli schemi figurativi. Sulla tela frammenti e oggetti della realtà urbana si alternano a macchie di colore che rimandano con ironia al mondo dell’infanzia. Dopo gli anni ’60, il linguaggio cambia diventando più pulito e meno accumulatorio attraverso la riduzione della materia sulla tela. Nella sua ricerca artistica non abbandona mai la chiave ludica a prescindere dal soggetto delle sue opere, siano esse oggetti della cultura Pop, forme geometriche o tematiche rinascimentali. Sono presenti suoi interventi artistici anche nelle stazioni della metropolitana di Napoli di Salvator Rosa e Materdei.
L’artista è presente nel Museo Novecento a Napoli con le opere “Piccolo Betrotal”, 1959 e “Senza titolo”, 1965 (in foto). L’opera fa parte della fase di produzione in cui l’artista riduce gli elementi costitutivi dei suoi lavori, per approdare all’uso di poche figure essenziali che alludono a una dimensione ludica.

Pasquale Lettieri
Critico d’arte