Il pepe nero

Presente in qualsiasi cucina, il pepe nero arricchisce di carattere e sapore numerosi piatti, ma la sua utilità non si limita certo a questo. Infatti, in Magia Verde, questa spezia risulta particolarmente preziosa per la sua energia di protezione.

Esistono 3 tipi diversi di pepe, a seconda di come la bacca del Piper Nigrum viene raccolta e lavorata, e ognuno esercita una specifica azione.

Il Pepe Nero viene prodotto dal frutto acerbo della pianta di pepe.
I frutti vengono sbollentati brevemente in acqua calda sia per lavarli che per prepararli all’essiccamento. La rottura della polpa, durante l’essiccamento, velocizza l’annerimento del grano di pepe. Esso si ottiene dalla bacca giunta a maturazione ed essiccata al sole o con appositi essiccatori, per diversi giorni durante i quali i frutti si disidratano e anneriscono .
Si impiega per la protezione da forme di negatività quali, ad esempio, astio e invidia; e in alcuni casi, date le sue caratteristiche marziali, si inserisce in preparazioni volte alla difesa attiva.

Conosciuto in Grecia già prima del IV secolo a C. il pepe nero è consigliato anche da Ippocrate, unito ad aceto e miele, contro i dolori mestruali ma fra i più grandi consumatori di pepe nero la storia segnala gli antichi Romani, che nel I secolo intrapresero viaggi dall’Egitto all’India e divennero grandi estimatori di spezie e profumi.

Del pepe nero apprezzavano le proprietà e lo utilizzavano diffusamente: per digerire meglio, per favorire la sudorazione come antipiretico (cioè capace di ridurre la temperatura corporea durante gli stati febbrili), come stimolante, come eupeptico (capace di favorire la buona digestione), come espettorante e per conservare i cibi ed esaltarne il sapore.

Il Pepe Bianco si ottiene dalla bacca decorticata, immersa in acqua e successivamente esposta al sole per alcuni giorni. E’ molto efficace nella protezione da malattie, incidenti e tutto ciò che può essere lesivo della salute.

Il Pepe Verde si ottiene dalla essiccazione del frutto acerbo e si utilizza prevalentemente nella protezione dei propri possessi materiali.

Rituale con riso e pepe nero

Innanzitutto chiariamo che non si tratta di magia nera o di qualsiasi tipo di stregoneria. Questo è un rituale ancestrale che è passato di generazione in generazione. Le culture antiche lo hanno usato per migliorare la vita delle persone e dare prosperità a coloro che lo hanno praticato.

Uno dei vantaggi di questo rito è che utilizza ingredienti economici e facili da ottenere. Infatti, puoi avere sia il riso che il pepe nella tua casa. In tal caso, non sarà necessario comprarli. Tutto quello che devi fare è iniziare a lavorare e preparare questo vaso miracoloso. Ecco come portare energia positiva nella tua vita con riso e pepe.

Ciò di cui hai bisogno:

Bottiglie di vetro con tenuta a pressione (2 unità);
Pepe nero in grano (6 grani);
Candele verdi (2 unità);
Riso grezzo (2 manciate);

Preparazione e utilizzo:

Per cominciare, è necessario pulire e purificare bene i contenitori. Per questo puoi metterli in acqua bollente per sterilizzarli. Una volta sterilizzati, non ci sarà impurità che ostacoli questo rito che attirerà energia positiva. Allora, lasciali asciugare completamente prima di procedere con questo rito.

Una volta asciutti, aggiungere una manciata di riso grezzo in ciascuno dei vasetti. Allo stesso modo, è necessario dividere i pepe in parti uguali. Cioè, si dovrebbe mettere 3 grani di pepe nero in ogni vaso.

È più opportuno eseguire questo rito ogni martedì a qualsiasi ora preferisci. Sul vaso dovresti accendere una candela verde e lasciarla consumare per almeno un’ora. Una volta fatto questo, si deve spegnere la candela, ma senza soffiare. E’ meglio usare un cucchiaino o un altro oggetto per estinguere la fiamma.

Se si esegue questo rituale utilizzando riso e pepe come sopra spiegato, si dice che il reddito tende ad aumentare. Dopo diversi giorni, si dovrebbe vedere come la nostra vita sia carica di energia positiva. Allo stesso modo, ci sentiremo molto meglio e vedremo come tutto funziona.

Emilia Prisco
Giornalista