Diete proteiche: come scegliere quella giusta

I consigli di Samantha Biale, Diet Coach

- By - - In Senza categoria

 

Sono quelle che permettono di perdere peso più rapidamente. E quelle più facili da fare. Ma dopo un boom che ha visto spopolare formule date per miracolose, nutrizionisti e dietologi hanno messo i puntini sulle i. One ha intervistato Samantha Biale, la prima diet coach italiana, che ha dato i consigli giusti per perdere i kili di troppo senza troppa fatica e tenendo d’occhio la salute.

Dottoressa Biale, favorevole o contraria alle diete proteiche?

Favorevole. Con le giuste considerazioni. Non ho alcun dubbio che siano una favolosa strategia d’inizio, perché perdendo peso praticamente da subito, servono soprattutto da un punto di vista psicologico. Agiscono sulla motivazione, fanno perdere quei primi kg senza troppo sforzo. Sono però dell’idea che alla lunga certi sapori, come quelli della pasta, del pane o dei dolci, non si possano totalmente abbandonare, per cui il rischio è sempre che uno dopo un inizio alla grande, poi si ritrovi a mangiare più di prima recuperando con gli interessi quello che ha perso.

Lei parla di un buon inizio. Quando individua la fine?

Una dieta proteica, deve avere un inizio e una fine per essere efficace e non dannosa. Ma soprattutto va fatta dopo un accurato check up, per vedere di non andare incontro a scompensi. A parer mio, su una persona sana, una durata di tre settimane, dà i migliori risultati. Bisogna poi saper investire sul mantenimento del regime, ossia su strategie di controllo che consentano di non riprendere il peso perso, né sul breve né sul lungo termine.

Molte aziende propongono prodotti che sostituiscono dolci, biscotti e pasta con preparazioni a basso contenuto di carboidrati a favore delle proteine. Cosa ne pensa?

Penso che questa scelta vada fatta con criterio. In farmacia si trovano prodotti sani, io consiglio di vedere sempre quelli che contengono un ridotto apporto di zuccheri senza evitarli totalmente. Il nostro organismo ha bisogno comunque di una certa dose di zuccheri. Le diete chetogeniche (ossia basate sulla chetosi, processo che sfrutta la carenza di zuccheri nel sangue, permettendo di attaccare il grasso in eccesso, ndr) portano un sacco di effetti collaterali.

La dieta facile, quindi, dove basterebbe in teoria abolire zuccheri e carboidrati nutrendosi solo di proteine, è più difficile di quanto sembra. Ha uno schema efficace?

In realtà è sufficiente fare le cose nel modo giusto. Una formula a parer mio collaudata, molto diffusa in Francia, è la  la 3.2.2: i primi tre giorni “di attacco”, le calorie sono ridotte veramente al minimo (1000 circa) ma passano velocemente specie se si accompagnano gli alimenti ai prodotti specifici che danno le sostanze necessarie all’organismo senza farci rimpiangere dolci e cioccolato, ad esempio, e dare una prima sveglia al metabolismo. Si mangiano carni bianche, pesce e verdure insieme a prodotti specifici a base proteica e basso contenuto di zuccheri. Negli altri due giorni, si sale a 1200 calorie: questo aumento impedisce all’organismo di reagire abbassando i consumi: continua così ad essere attivo. Segue un assestamento, da tenere fino al raggiungimento del peso programmato: si arriva alle 1300-1400 calorie. Da lì in poi si dimagrisce più lentamente, ma costantemente e in modo sano.

PROVATO PER VOI

pv-ambra

Abbiamo testato per voi i prodotti della linea Protiplus facendo elaborare allo chef Ambra Romani una ricetta gustosa, già sperimentabile nella fase di attacco.

 

 

 

SPAGHETTI PROTIPLUS
CON SEPPIE PROFUMATE AL LIMONE

pv-DSCN1393

60g linguine Protiplus
40gr di seppia pulita
1 manciata di prezzemolo
1 spicchio di aglio
1 cucchiaio di olio
buccia di limone

Lavate e pulite la seppia rimuovendo le interiora e i tentacoli e tagliatela a listarelle sottilissime, in una ciotola mettete un cucchiaio di olio e condite la seppia con la buccia di limone grattugiata, lo spicchio di aglio ed il prezzemolo tritato. Lasciatela marinare alcuni minuti. Scolate la pasta e unitela alla seppia, e ripassate per 2 minuti in pentola, togliete l’aglio ed aggiungete pepe a vostro piacere.

La Pasta iperproteica ProtiPlus è pronta in solo 8 minuti ed è bassa in zuccheri e ad elevato contenuto di proteine, consente di rispettare il regime di dieta anche durante la fase intensiva.

pv-PASTA_IPERPROTEICA

Ingredienti
Semola di grano duro, proteine di pisello, bianco d’uovo disidratato, aminoacidi:
L- Metionina.