Benessere: proprietà e controindicazioni dello Zenzero

Lo zenzero (o ginger in inglese) è ben noto per l’uso che se ne fa in cucina grazie al suo sapore leggermente piccante, ma soprattutto grazie alle sue proprietà benefiche.

Una tisana zenzero e limone ha tutt’altro sapore se viene preparata con un prodotto fresco

Lo zenzero è una pianta originaria dell’estremo oriente dove già diversi secoli fa veniva utilizzata per porre rimedio a diversi disturbi come febbre, raffreddore e mal di testa: non a caso il suo nome indiano significa “grande medicina”.

La pianta presenta un fusto sotterraneo con grossi rizomi orizzontali tuberosi che sono i veri protagonisti di ricette culinarie e curative.

La parte commestibile dello zenzero non è la pianta ma il rizoma che si trova sotto terra e sporge leggermente in superficie

Le principali proprietà benefiche di questa pianta:

  • Antiemetico: è risaputo che il ginger aiuti a combattere nausea e vomito associati a diverse cause. Viene assunto dalle donne in gravidanza, durante i trattamenti chemioterapici o per disturbi cinetosi (come mal d’auto, mal di mare…).
  • Antiossidante: aiuta a combattere i radicali liberi ritenuti colpevoli dell’invecchiamento cellulare. Utile quindi per mantenere giovane la pelle.
  • Proprietà digestive: le bevande allo zenzero o masticare un pezzetto dello stesso aiuta la digestione e contribuisce ad eliminare i gonfiori addominali.
  • Antidolorifico e antinfiammatorio: alcuni preparati a base di questa pianta, trovabili in erboristeria, vengono impiegati contro i dolori articolari, intestinali e contro l’emicrania. Utile anche contro gli stati influenzali e febbrili, soprattutto sotto forma di tisana con i suoi alleati miele e limone.
  • Antitumorale: un suo utilizzo costante avrebbe una funzione protettiva contro tumori all’apparato digerente come al colon-retto in quanto aiuta a contrastare lo sviluppo delle cellule tumorali.
  • Rinfrescante e stimolante: aiuta a combattere problemi come l’alitosi e inoltre stimola la circolazione del sangue.

Controindicazioni dello zenzero

Il consumo eccessivo dello zenzero può causare alcuni disturbi al nostro organismo: problemi di gastrite, gonfiori intestinali ed ulcere. Per questo motivo coloro che soffrono di problemi gastrointestinali ed alle donne in gravidanza dovrebbero consultare il medico prima del suo utilizzo. Se si assumono medicinali anticoagulanti è altamente sconsigliato il suo impiego dato il suo effetto fluidificante del sangue.

Si possono sviluppare delle allergie a uno o più componenti della pianta, è quindi opportuno prestare attenzione se dovesse manifestarsi la comparsa di rossori sulla pelle ed eruzioni cutanee.

Curiosità

  • Secondo la tradizione popolare è un potente afrodisiaco; lo zenzero è conosciuto ed utilizzato in Cina come Viagra naturale in quanto sarebbe in grado di accrescere le energie maschili.
  • Viene largamente utilizzato per aromatizzare in modo caratteristico liquori, birre e bibite analcoliche.

A cura di Letizia Bonelli – Direttore Responsabile